Produrre ceramiche, dal disegno preliminare alla decorazione finale, è una delle più nobili tradizioni manifatturiere in Italia. Il nostro Paese vanta una lunga storia di artisti che ci sono cimentati in questo campo, perfezionando sempre di più le tecniche e specializzandosi in diverse mansioni. Fin dalla preistoria l’uomo ha creato oggetti ricavati dalla lavorazione dell’argilla. Nei secoli si sono via via scoperte nuove possibilità di utilizzo: ecco allora che la ceramica è diventata uno dei materiali più apprezzati da chi ama l’artigianato. L’Italia da anni è leader nel settore, sia a livello artistico che industriale, in gran parte destinato anche all’esportazione.

Diventare ceramista, oggi, significa quindi puntare su un mestiere con grosse potenzialità, motore dell’economia per alcune nostre regioni, e certamente richiestissimo all’estero. Per avviare la professione, è necessario frequentare i corsi di ceramica che aprono la strada al botteghe artigiane. Solo così è possibile sviluppare appieno un talento artistico e farlo fruttare nel mondo del lavoro.

Chi lavora la ceramica: il mestiere del ceramista

Il ceramista è un professionista che produce ceramiche e le decora.

Può lavorare come artigiano artistico oppure nell’industria, nei settori che riguardano la stoviglieria, i sanitari, l’edilizia.

Oltre a considerare attentamente le tendenze artistiche del suo tempo, il ceramista deve rifarsi alla tradizione passata. Sarà quindi importante che studi gli stili dei secoli precedenti per attualizzarli al giorno d’oggi.

Ma questo è solo uno dei tanti aspetti che caratterizzano la sua professione.  Vediamo quali competenze specifiche deve dimostrare di possedere.

Corso di tecniche tradizionali di ceramica

Ceramica per tutti

Un corso dedicato all’insegnamento delle tecniche tradizionali per la lavorazione della ceramica.

 

Quali sono le abilità del ceramista?

L’aspirante ceramista deve senza dubbio avere un’ottima manualità e inventiva. Partendo da queste basi, durante il corso di formazione imparerà a padroneggiare qualsiasi processo produttivo, affinando la tecnica.

Ecco allora le principali competenze teoriche e pratiche necessarie a chi vuole diventare ceramista professionista:

  • avere nozioni di storia dell’arte e tecniche pittoriche nel corso del tempo;corsi di ceramica
  • saper impostare ciascuna fase progettuale, dal disegno, alle prove cromatiche, alla realizzazione di tavole esecutive;
  • essere in grado di scegliere il materiale più opportuno per i manufatti;
  • saper applicare pigmenti e coloranti, e miscelarli insieme;
  • riuscire a valutare quale sia il rivestimento più adatto a ciascun oggetto (spruzzo, immersione, pennello, smaltatura…);
  • essere capace di impostare e seguire autonomamente le fasi della cottura.

L’artigianato artistico può essere svolto all’interno delle botteghe artigiane o in modo indipendente. Ma può anche estendersi alla produzione industriale e al design.

Quali sono i tipi di artista ceramista?

Il ceramista può specializzarsi in diversi settori.

Esistono decoratori, corniciai, restauratori, modellisti. Tutti partono dalla medesima formazione per poi approdare ad ambiti produttivi diversi.

Chi esegue lavorazioni della ceramica può produrre:

  1. semilavorati: ne fanno parte i tornianti e chi si occupa delle produzione di bis-cotto (materiale destinato alla terracotta e alla seconda cottura);
  2. terrecotte: in questa categoria rientrano i figurinai, professionisti che si dedicano alla produzione di pupi e scene;
  3. maioliche, partendo da semilavorati e bis-cotti.

Un artista della ceramica, grazie alla sua abilità manuale, sa creare alla perfezione pezzi unici. Questo è il grande valore dell’artigianato artistico.

corsi di ceramica

Come si diventa ceramista?

Per diventare ceramista è necessaria una formazione professionale adeguata.

In molte città sono attivi corsi professionali erogati dalla regione. I percorsi completi hanno una durata annuale, quelli più brevi sono focalizzati su una particolare tecnica di lavorazione della ceramica.

Dopo aver frequentato i corsi di ceramica, la pratica viene eseguita nella bottega di un artigiano.

L’apprendistato da ceramista è un passaggio fondamentale per prendere dimestichezza col mestiere direttamente sul campo.

Aprire una bottega da ceramista: come fare?

Chiunque desideri aprire una propria bottega di ceramica, deve prima compiere il percorso di formazione sopra descritto.

Solo la frequenza di un corso professionale erogato da un ente permette di conseguire una qualifica di ceramista riconosciuta.

Vuoi rimanere sempre aggiornato sui corsi professionali?

Iscriviti alla nostra newsletter!

 

Corsi di ceramica in Lombardia

Condividi questo articolo
Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone