Come diventare hostess

Sono tanti i giovani che, terminate le scuole superiori, si interessano alla professione di hostess steward, spinti dalla curiosità per un mestiere che certamente porta a instaurare continue interrelazioni con tante persone diverse all’interno di svariati ambienti di lavoro. I settori in cui queste figure operano sono innanzitutto le compagnie aeree, ma anche gli eventi congressuali e fieristici: in ognuno sono richieste particolari competenze e vengono differenziate le mansioni, tutte da acquisire attraverso una formazione specifica. Prima di interessarsi a come diventare hostess, è bene quindi aver presenti i diversi profili professionali in ogni loro parte, al fine di valutare quale sia la strada più adatta alle predisposizioni personali.

Cosa fa l’assistente di volo?

Le hostess e gli steward che accompagnano i passeggeri durante il volo formano la cabin crew, la “squadra”, cioè, che opera all’interno dell’aereo durante tutte le fasi del viaggio.

Il principale obiettivo del loro lavoro dev’essere sempre quello di assicurare il massimo comfort alla clientela, nonché la sua sicurezza, nel rispetto delle norme vigenti per le traversate aeree.

Le hostess e gli steward di volo svolgeranno quindi delle specifiche mansioni inerenti l’accoglienza e l’assistenza dei passeggeri per tutta la durata del volo:

  • accogliere i passeggeri che salgono a bordo, accompagnandoli nella ricerca del sedile, facendoli accomodare e offrendo aiuto nel posizionamento dei bagagli a mano;vicome diventare hostess
  • mostrare tutte le norme di sicurezza cui attenersi nelle fasi di decollo e atterraggio e nei casi di emergenza;
  • assicurarsi che i passeggeri rispettino le regole di comportamento prima del decollo;
  • distribuire bevande, cibo e riviste (servizio gratuito per alcune compagnie aeree, a pagamento per le compagnie low cost); dove previsto, promuovere e vendere i prodotti duty free, mostrandosi disponibili nel fornire informazioni e consigli sulla merce sponsorizzata.

Come diventare hostess e steward: i requisiti dell’assistente di volo

Per poter svolgere questo mestiere, sono indispensabili determinati requisiti:

  • diploma di istruzione secondaria superiore (meglio se nel settore turistico o linguistico);
  • ottima conoscenza della lingua inglese e, preferibilmente, di un’altra lingua;
  • bella presenza (ogni compagnia adotta dei particolari criteri di selezione riguardo all’altezza e alle misure; generalmente, l’altezza minima richiesta per le donne è di 1,65, per gli uomini di 1,70) e 10/10 di vista (con l’ammissione delle lenti a contatto);
  • cordialità, disponibilità, sorriso e prontezza;
  • buone abilità natatorie;
  • nessun tatuaggio né piercing visibile;
  • buone condizioni  di salute (confermate da un certificato medico aeronautico di classe 2).

Per diventare assistente di volo, è possibile frequentare dei corsi professionali organizzati  da scuole ed enti specializzati, che preparano a sostenere l’esame ministeriale presso l’ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile); il superamento della prova equivale all’abilitazione professionale e consente l’iscrizione all’albo.

diventare assistente di volo

Come diventare hostess di terra

Le hostess e gli steward di terra sono gli addetti agli scali aeroportuali incaricati di assistere i passeggeri nelle fasi di imbarco e sbarco; fanno parte del personale non viaggiante operativo presso i cancelli di imbarco e sbarco, le biglietterie, i check-in e i punti informativi. Le mansioni di queste figure professionali si differenziano quindi da quelle proprie degli assistenti di volo:

  • forniscono assistenza ai passeggeri in arrivo e in partenza e controllano la validità dei loro documenti; devono pertanto conoscere tutta la documentazione necessaria per entrare in un determinato Paese;
  • come diventare hostess aeroportualedanno informazioni sempre aggiornate sugli orari di decollo e di atterraggio dei velivoli delle diverse compagnie, sui prezzi dei biglietti e sulle prenotazioni effettuate dai viaggiatori;
  • al momento del check-in, preparano le carte d’imbarco e i ticket necessari per lo smistamento dei bagagli da imbarcare;
  • annunciano l’apertura delle fasi di imbarco e sbarco.

Ma come diventare hostess di terra?

Anche in questo caso sono richiesti il diploma di scuola secondaria superiore, la conoscenza delle lingue, la bella presenza e la conoscenza della regolamentazione aeroportuale stabilita da IATA (International Air Transport Association) ICAO (International Civil Aviation Organization); la formazione professionale è garantita da appositi corsi nel settore turismo e ospitalità,che alle lezioni teoriche affiancano un’attiva pratica sul campo.

Chi è la hostess congressuale?

La hostess e lo steward congressuale hanno il compito di affiancare gli organizzatori dell’evento al fine di permetterne lo svolgimento lineare e il perfetto funzionamento di ogni parte; collaborano quindi con le agenzie del settore e interagiscono continuamente con i partecipanti, mostrando cortesia e garbo, ma anche intraprendenza e spigliatezza. Possono operare in occasione di congressi medici o politici, fiere, meeting internazionali, eventi musicali e sportivi.

Le mansioni delle hostess e degli steward congressuali vengono definite nel momento del briefing, la fondamentale riunione informativa tenuta dai responsabili dell’organizzazione prima dell’inizio, e mirata a fornire tutti dettagli che il personale dovrà tenere a mente nel corso dell’evento.

Una volta “istruiti”, hostess e steward dovranno occuparsi di:come diventare hostess congressuale

  • aiuto nell’allestimento delle sale congressuali o degli stand fieristici;
  • accoglienza dei visitatori e registrazione dei partecipanti, oltre alla fornitura di informazioni durante tutta la durata dell’evento;
  • attività di interpretariato nei casi di eventi internazionali;
  • supervisione della sala congressuale (con particolare attenzione alle esigenze dei relatori e al momento della discussione e delle domande da parte dei partecipanti);
  • supervisione del coffee-break e del lunch;
  • compilazione degli attestati di partecipazione;
  • raccolta di eventuali questionari e schede di valutazione sull’evento.
Condividi questo articolo
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Vuoi rimanere sempre aggiornato sui corsi professionali?

Iscriviti alla nostra newsletter!

 

Nessun commento inserito

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *